Il bastone in legno: come è fatto e come farlo


Quando: Venerdì, Sabato, Domenica 16:00 – 16:30
Tipo: Incontro

Il cammino con i bastoncini si è sviluppato negli ultimi anni, ma già il 6 gennaio 1911 Robert Falcon Scott, nel diario della spedizione al Polo Sud, racconta che i bastoncini da sci sono apprezzati dai suoi uomini per camminare.

Il bastone ha sempre accompagnato l’uomo nelle sue esplorazioni.
Può essere la lancia di Achille o il bastone di Mosè o quello del pastore.
Può essere dritto o curvo per impugnarlo meglio e “agganciare” le pecore, magari alto fino alle spalle per appoggiarsi col mento quando si bada al gregge.
Serve a farsi sostenere, ad aprirsi la strada fra i rovi, a guadare un torrente, a difendersi…

Ogni pellegrino aveva il proprio bastone come compagno di viaggio inseparabile. Il Bordone era uno degli elementi che lo caratterizzavano. Doveva essere forte, robusto e tenace, ma anche leggero e maneggevole.

È in nocciolo, in castagno, in corniolo, in ligustro…
Parliamo delle caratteristiche dei bastoni: legno, dimensioni, impugnatura, punta rinforzata…

Giancarlo Cotta Ramusino – Girumin. Nel 2011 ha ripercorso le tracce della ritirata degli Alpini dalla Russia nel 1943. Con Terre di mezzo Editore ha pubblicato "Ritorno a Nikolajevka" e "Camminatori". Con le edizioni Fiordaliso ha pubblicato i testi: "Il campo mobile", "Il campo fisso" e "Challenge

Organizzato da: Giancarlo Cotta Ramusino - Girumin
Partecipazione: Gratuita
Costo: euro
Numero massimo partecipanti: 10
Per info e prenotazioni: camminatori.gcr@gmail.com


Altri appuntamenti che potrebbero interessarti:

12:00–14:00 Venerdì
Organizzato da: Fondazione Edoardo Garrone e Fondazione Cariplo

18:00–19:00 Venerdì
Con: Vera Gheno. Organizzato da: Fa' la cosa giusta!

14:00–15:00 Domenica
Con: Cristiana Avenali - Marco >Aguiari. Organizzato da: Regione Lazio

18:00–19:00 Sabato
Con: Anna Fasano, Elisabetta Tramonto, Riccarda Zezza. Organizzato da: Valori