Per ricordare Abba: 10° Festival antirazzista a Milano

“Negro di merda”, e poi sprangate e botte: così venne ammazzato Abba il 14 settembre 2008 in via Zuretti a Milano, vicino alla Stazione Centrale.

Da quel momento il movimento antirazzista milanese lo ricorda, e per il decimo anniversario promuove 10 giorni di Festival Antirazzista con iniziative e appuntamenti per adulti e bambini:

dal 7 al 16 settembre all’Arco della Pace e al Parco Sempione, ABBACUP Festival antirazzista, dedicato ad “Abba” Abdoul Guibre e a tutte le vittime del razzismo.

Hashtag ufficiale #AbbaVive

Domenica 16 settembre, giornata dedicata ai bambini. Nel pomeriggio, libri e laboratori, a cura di Oasi del piccolo lettore, in collaborazione con Terre di mezzo Editore.

A Pieve S. Stefano (AR) venerdì 14 settembre, presentazione del libro Parole oltre le frontiere. Dieci storie migranti, la raccolta dei diari finalisti del Premio DiMMi, il concorso nazionale dedicato ai racconti di vita delle persone migranti residenti o soggiornanti in Italia: “Racconti – come scrive Alessandro Triulzi nella prefazione del libro – che sono la storia vissuta dell’Italia dalle molte lingue e culture che cresce lentamente, quasi sotterraneamente, intorno a noi con spinte e pulsioni che a volte determinano reazioni di paura e chiusura, ma altre volte coinvolgono comunità, gruppi, individui e istituzioni che fanno dell’accoglienza la cifra più visibile del loro stare nel mondo contemporaneo”.

lntanto, al Festival Internazionale del cinema di Venezia, il corto “Io sono Rosa Parks”, che racconta le storie di italiani senza cittadinanza,  vince il #premio per la categoria “seconde generazioni” Sezione #MigrArti. E il giovane Bagya Lankapura, nato a Napoli da genitori dello Sri Lanka, perfetto rappresentante delle “seconde generazioni”, si è aggiudicato il Premio Mutti – AMM 2018, dedicato ai registi migranti attivi in Italia; riceverà i fondi per realizzare “La voliera”, una storia incentrata sulle difficoltà nei rapporti con i genitori “che hanno fatto il viaggio”, raccontando l’incapacità di un padre di comprendere e accettare la relazione della figlia con un ragazzo.

#IosonoRosaParks, prodotto da Angelika Vision in collaborazione con Arising Africans e #ItalianiSenza Cittadinanza”, scritto e diretto da A. Garilli. Prima nazionale al Festival di Venezia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.