In ricordo di Chico Mendes, a trent’anni dalla morte

Chico Mendes muore il 22 dicembre 1988, sulla porta di casa, ucciso da un colpo di fucile. La sua storia è proseguita e rimane, ben al di là dei confini geografici: nel suo impegno da sindacalista seppe infatti unire tutti, dai suoi colleghi ai preti ai politici, attorno a un’idea di foresta in qualche modo rivoluzionaria, nel contesto dell’Amazzonia terra di saccheggio e di profitto: l’idea di un luogo senza padroni, in cui alberi e uomini possono vivere e crescere insieme, gli uni custodi degli altri (dalla quarta di copertina di “Fermo come un albero, libero come un uomo”, di Miriam Giovanzana)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.