Un vecchio vagone diventa bar sociale e dà lavoro ai ragazzi in difficoltà

Inaugurato a fine settembre, è già entrato nel cuore di chi l’ha frequentato. Basta andare sulla pagina Facebook e leggere alcune delle recensioni: “Ci sono stata per caso con le mie bimbe – scrive Laura -. Davvero bello per una merenda. Birra alla spina ottima, caffè, taglieri di marmellate e mieli, salumi e formaggi. Tranquillità, bellezza, bontà, genuinità“. È un bar sociale perché il suo obiettivo è quello di dare un’occasione di lavoro a ragazzi in difficoltà o con disabilità. Per ora ci lavorano solo tre persone, ma l’obiettivo è di arrivare a coinvolgerne molte di più. Dentro ha tutto il fascino di un treno d’epoca con il bancone, le sedie e i tavolini in legno. Seduti a gustare un té con i biscotti realizzati dai ragazzi della cooperativa, si vedono dai finestrini i cavalli che pascolano nei recinti di Cascina Biblioteca, in un angolo del Parco Lambro, sul confine tra Milano e Segrate. Costruito negli anni ’20 per trasportare i passeggeri di terza classe, “Il Vagone” è ora un bar sociale parcheggiato effettivamente su un binario.

“Il Vagone è nel nostro cortile dagli anni ’80, donato dalle Ferrovie Nord all’Anffas -racconta Valentina Mari di Cascina Biblioteca, cooperativa sociale che dà lavoro a oltre 100 persone, molte delle quali disabili-. L’abbiamo utilizzato come ufficio, come mensa e infine come magazzino delle selle dei cavalli. Da un po’ di anni era in disuso e stava per andare in rovina. Ma a un certo punto è nata l’idea di ristrutturarlo per farci un bar, visto che qui mancava”. I lavori, realizzati nei ritagli di tempo da Fabio, uno degli operatori di Cascina Biblioteca, insieme ad alcuni volontari, sono durati quattro anni. E ora è luogo di ritrovo, che ospita corsi, feste, laboratori, eventi, aperitivi e concerti. “Il bar rientra nella nostra mission -aggiunge Valentina-. Lavorare insieme a chi è in difficoltà, dare a tutti un’opportunità, valorizzandone le capacità”.  Il Vagone si trova in via Casoria 50, ed è aperto da martedì a venerdì dalle 13.00 alle 16.00 e da venerdì a domenica dalle 18.00 alle 22.00.

Redazione: Dario Paladini 17.10.2017

Rispondi