Il Porto di Fa’ la cosa giusta!


Quest’anno in Fiera il mare sarà protagonista, in tutti i possibili ambiti (ambiente, lavoro, società) con un palinsesto di incontri e una piazza tematica dedicata (nel pad. 3): abbiamo chiamato questo progetto “Il Porto di Fa’ la cosa giusta!”

Scienziati, associazioni di tutela, velisti, geografi, pedagogisti, esploratori e giornalisti si alterneranno per affrontare, con un approccio multidiscliplinare e divulgativo, le questioni legate all’ecosistema marino e dei corsi d’acqua.

La situazione degli oceani e dei mari è in continuo peggioramento. L’inquinamento non si è arrestato e l’ocean grabbing, l’acquisizione delle risorse del mare da parte di multinazionali, sta compromettendo gravemente la sussistenza delle piccole comunità di pesca.

Il problema dei rifiuti, nei mari e sulle spiagge, sta assumendo proporzioni preoccupanti: stando alle stime del Consiglio Generale della Pesca nel Mediterraneo (Fao) sono oltre sei milioni di tonnellate i materiali solidi e pericolosi di origine umana che vengono scaricati ogni anno nei mari del mondo.

Eppure l’Italia presenta anche casi di eccellenza per la produzione ittica e di prodotti che dalla vicinanza al mare, fiumi o laghi traggono la loro unicità; per associazioni di tutela dell’ecosistema e delle acque; per la promozione di turismo lento sui corsi d’acqua e valorizzazione di antichi saperi e sapori.

Tra gli ambiti tematici che saranno ospitati nel “Porto di Fa’ la cosa giusta!”:
Tutela degli ecosistemi acquatici
Mare, acqua, legalità e diritto
Il mare come metafora di libertà

Tra le realtà che animeranno il Porto di Fa’ la cosa giusta!:
One Ocean Foundation, WWF, Greenpeace, Lifegate, Legambiente, Rivista Valori.

(Credits foto: Micaela-parente_Unsplash)

Scopri tutti gli appuntamenti che avranno luogo, nei 3 giorni (8-10 marzo) nel “Porto di Fa’ la cosa giusta!”

Nessun appuntamento trovato

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.