Campagna Zero Waste: luglio senza plastica

Parte la campagna promossa dalla Rete italiana Zero Waste: per ogni giorno
un consiglio su come liberarsi dalla plastica. Bandite cannucce, piatti e
posate usa e getta. Promosso il cono, bocciata la coppetta. Non buttate però
catini o barattoli: “Finché sono utilizzabili teniamoli”.

“Se tutti facciamo un piccolo gesto, insieme facciamo qualcosa di grande”:
Lisa Avanzi è una delle fondatrici della Rete italiana Zero Waste, creata da un gruppo di donne con l’obiettivo di fornire consigli e suggerimenti per ridurre i rifiuti che produciamo quotidianamente. In questi giorni è partita la loro campagna “Luglio senza plastica”: per ogni giorno del mese suggeriscono un’azione, un’attenzione o una riflessione che ci può portare a fare a meno della plastica. Basta scaricare il loro calendario e per ogni giorno è prevista la buona azione quotidiana. Quindi, per esempio, niente cannucce e pic nic con piatti e posate usa e getta. Sì invece alla spesa di prodotti sfusi, alla preparazione in casa di dolci o gelati (a proposito, meglio il cono della coppetta). “Ciascuno può guardare alla sua vita quotidiana, ai suoi consumi e verificare come può cambiarli -aggiunge Lisa-. Spesso si pensa che non ci siano alternative. Quasi sempre invece si sono, basta cercarle”.
Il calendario proposto dalla Rete italiana Zero Waste punta anche a ridurre i consumi. “Non basta sostituire la plastica con altri prodotti -sottolinea Lisa-. L’obiettivo deve essere la riduzione complessiva dei rifiuti. E una delle strade principali è quella di ridurre i consumi. Per esempio, prima di comprare un nuovo costume da bagno, chiediamoci se è proprio necessario”. Tra l’altro, l’entusiasmo per un mondo plastic free può indurre al paradosso di consumare di più per sostituire ogni oggetto in plastica che abbiamo in casa.

“C’è chi ci scrive che vuole buttare tutti i catini in plastica -sorride Lisa-. Oppure che vuole sostituire tutti i barattoli e contenitori con il coperchio in plastica per comprarne di nuovi in alluminio. Alt, fermi. Finché sono utilizzabili teniamoli. Non ha senso buttarli, visto che possono durare anni”.

“Invitiamo le persone a condividere le foto delle loro azioni sui nostri social
usando #retesenzaplastica e taggando @retezerowaste -ricorda Lisa-. Sul
nostro account Instagram pubblicheremo inoltre ogni giorno stories in cui
spieghiamo come fare per ridurre la plastica nella vita quotidiana”.

“Luglio senza plastica” fa parte della campagna mondiale “Julyplasticfree”, promossa dalla Plastic Free Foundation, nata nel 2017 in Australia. “Noi partiamo dalla nostra vita quotidiana, ma vogliamo incidere anche sulle scelte dei governi e della grande distribuzione -conclude Lisa Avanzi-. Per questo è necessario fare rete e agire insieme”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.